LOTTA PLAYOFF - In cinque per quattro posti: calendari a confronto

 di Antonio Papale  articolo letto 962 volte
pallone Lega Pro
© foto di Giuseppe Scialla
pallone Lega Pro

Mancano quattro giornate alla fine e si accende sempre più la lotta playoff. Con le prime già sicure di parteciparvi (Lecce e Matera dal secondo turno, Juve Stabia e Siracusa dal primo), e con Francavilla e Cosenza quasi certe di un pass (bisogna solo definire il piazzamento), restano quattro posti con in ballo cinque squadre, dal trio a 45 cioè Casertana, Andria e Paganese fino ai 42 del Fondi, passando per i 43 del Catania.

Giusto fare un'analisi del calendario di tutte le contendenti:

CASERTANA (P. 45): AKRAGAS, Matera, CATANZARO, Catania

FIDELIS ANDRIA (P. 45): Fondi, JUVE STABIA, Reggina, LECCE

PAGANESE (P. 45): Vibonese, TARANTO (recupero), SIRACUSA, Lecce, REGGINA

CATANIA (P. 43): Cosenza, MONOPOLI, Siracusa, CASERTANA

FONDI (P. 42): FIDELIS ANDRIA, Foggia, VIRTUS FRANCAVILLA, Catanzaro

In maiuscolo le gare esterne, in grassetto gli scontri diretti

Guardando il calendario e anche un pò lo stato di forma, chi sta meglio è la Paganese, che ha come insidia la trasferta di Siracusa, mentre le ultime 2 con Lecce e Reggina potrebbero essere importanti solo per i liguorini. Chi sta peggio è il Fondi, che va ad Andria in un confronto diretto, ospita il Foggia che vuole chiudere il discorso B, va a Francavilla ma i pugliesi vogliono un buon piazzamento in griglia, e chiudono col Catanzaro a caccia della salvezza o di un buon posto nella griglia playout. Anche il Catania non ha un calendario agevole: ospita Cosenza e Siracusa che vogliono il miglior posto possibile in griglia, va a Monopoli contro una squadra a caccia della salvezza e infine a Caserta in quello che può essere uno spareggio. A proposito di Casertana, gli uomini di Tedesco stanno rifiatando dopo un buon periodo e non hanno un calendario all'acqua di rose: Akragas e Catanzaro hanno fame di salvezza, col Catania sarà uno spareggio, mentre col Matera forse è l'incontro più abbordabile vista la voglia di coppa dei lucani che il 26 vorranno conquistare a Venezia. Infine, l'Andria: lo scontro diretto col Fondi e la trasferta a Castellammare sono toste, poi, superate quelle partite, per la squadra pugliese diventa più facile affrontando una Reggina quasi salva e un Lecce certo del secondo posto.