Monopoli, buona partenza nonostante i tanti cambiamenti

 di Antonio Papale  articolo letto 519 volte
Monopoli
Monopoli

Il Gabbiano - simbolo del calcio monopolitano – svolazza ancora in una posizione di graduatoria invidiabile, e intende restarci quanto più tempo possibile. La programmazione dell’assetto societario mira, nel volgere di 2-3 anni, a uno storico approdo al campionato Cadetto. Quello attuale potrebbe, a maggior ragione rappresentare, il naturale rodaggio affinché ci si possa abituare alle alte quote. La campagna di rafforzamento, anzi, una sorta di remake, ha portato alla forzata separazione dal leader indiscusso che è stato Pasquale Esposito. Il centrale difensivo, ex capitano, dopo quasi un lustro in maglia biancoverde, ha inteso appendere le scarpette al chiodo. Sono stati ceduti anche, i portieri Furlan (al Bari, poi girato al Trapani), Pellegrino al Fasano dopo essersi svincolato, oltre al giovane Figliola ceduto in prestito al Molfetta; i difensori, Carissoni al Torino per fine prestito, Padalino svincolato; i centrocampisti, Cavagna all’Atalanta per fine prestito, il giovanissimo Bassi all’Omnia Bitonto, il laterale sinistro Pinto al Parma (successivamente girato all’Ascoli), El Friyekh al Bari per fine prestito, gli svincolati Nicolini e Balestrero; le punte, Montini al Bari (poi girato al Livorno), Nadarevic alla Fidelis Andria dopo regime di svincolo, Gatto al Sud Tirol dopo regime di svincolo, D’Auria alla Juve Stabia, Parker al Bari per fine prestito. ARRIVI: portieri - Bifulco (’82) dal Matera, Bardini dal Cesena (prestito); difensori - Ricci (’89) dall’Ancona, De Vito (’91) dalla Reggina (fine prestito, attualmente fuori lista), Lanzolla (’89) dal Gravina, (’95) Nizza-B, il nazionale U21 albanese Tafa (’98) dal Palermo (prestito), il laterale destro Leonardo Longo (’95) dalla Paganese; centrocampisti – Diomande (96’) dal Nizza-B, Zampa (’92) dall’Ancona, Scoppa (’87) dal Catania, Lobosco (’96) dal San Severo, il laterale greco Rota (‘95) dal Panegialios, Salvatore Russo (’96) dall’Aversa Normanna (svincolato), il laterale sinistro Donnarumma (’92) dal Mantova, il jolly ’92 Zibert dalla Juve Stabia; punte - Paolucci (‘86) dall’Ancona, D’Auria* (’96) Lucchese (fine prestito), Souare (‘98) dall’Inter (prestito), Cappiello (’97) dalla Gelbison, Sarao (’89) dal Catanzaro (svincolato). CONFERME: difensori - Ferrara (’93), Bacchetti (’93), Bei (’96), Mercadante (’95); centrocampisti - Sounas (’96), Mavretic (’97), Ricucci (‘96) attaccante – Genchi (’85) Già in orbita 1^ squadra a partire dalla scorsa stagione, i vari: Leone, centrocampista ’99; la punta ’99 Di Cosola. Dalle formazioni biancoverdi Under 17 e Under 18, sono stati promossi in 1^ squadra: i portieri, il classe 2000 Convertini, il difensore 1999 Maselli, il centrocampista classe 2000 Todisco. Dall’attuale stagione, nuovo tecnico è il 47enne d’origini baresi è Massimiliano Tangorra (già tecnico dei biancoverdi nella stagione 2015-16, poi dimessosi ad inizio Aprile 2016, a causa di accese divergenze con parte della dirigenza, nonché per dissapori nei confronti di una frangia di tifosi).