Calori avverte il suo Trapani: "Casertana cambiata rispetto alla partita di andata. Bisogna stare attenti. Ecco come dobbiamo interpretare la partita"

 di Antonio Papale  articolo letto 880 volte
Alessandro Calori
© foto di Federico Gaetano
Alessandro Calori

A poche ore dalla partenza per Caserta, in casa Trapani mister Alessandro Calori ha dichiarato: "Non bisogna precluderci nulla, bisogna alimentare quanto fatto. Bisogna ambire al massimo poi si tireranno le somme. Cinque arrivi e cinque addii in un gruppo comunque solido. Spesse volte si cambiano giudizi. Bisogna sempre fare il massimo. La squadra deve avere sempre voglia di fare. Acciaccati? Dambros, Murano, Girasole sono out, mentre Corapi difficilmente ci sarà. Drudi sarà squalificato. Potremo inserire qualcuno dei nuovi. Il giocatore ha bisogno di conoscere i meccanismi. Casertana? Domenica l'ho vista, ha giocato 3-5-2, è cambiata rispetto all'andata, dobbiamo essere bravi ad interpretare la partita contro una squadra che si deve salvare. Dobbiamo saper giocare indipendentemente dal modulo. Ci basiamo sul modulo avversario. Si possono dire tante cose, l'idea è quella di andare in campo per vincere. Sono arrivati giocatori con un certo livello di esperienza. Tra il dire e il fare c'è l'interpretazione. Vogliamo fare più punti possibile.Numericamente c'è l'atteggiamento, bisogna distribuirlo meglio. Vorrei dare qualcosa di importante a questa città. I calciatori andati via? Hanno avuto le loro motivazioni, o per salire di categoria o perchè avevano poca voglia. Si può sempre cambiare in corsa, sempre senza intaccare la base. Polidori? Ragazzo che ha buone qualità e che può darci soddisfazioni, con tutto il rispetto per Reginaldo. I ragazzi si stanno allenando bene, peccato per gli infortuni. Bisogna avere maggiore convinzione nei propri mezzi. Bisogna avere rabbia per portare a casa punti e le squadre che devono salvarsi, nel girone di ritorno, sono capaci di mettere in più rispetto a chi lotta per altri obiettivi. Ecco perchè bisogna stare attenti alla trasferta di Caserta."