ESCLUSIVA - Il doppio ex Francesco Bruno: "Casertana squadra che mi ha lanciato nel calcio che conta e mi ha dato tanto. Cava esperienza importante. E sul campionato...."

Il doppio ex analizza i temi del derby di scena a Castellammare
15.10.2019 19:04 di Antonio Papale   Vedi letture
Francesco Bruno
© foto di Alfonso Miranda
Francesco Bruno

Domenica allo stadio Menti di Castellammare ci sarà il derby tra Cavese e Casertana. Per parlarne, la nostra redazione ha contattato il difensore Francesco Bruno. 

Francesco, i tuoi ricordi degli anni di Caserta

"Caserta mi ha fatto crescere tanto, con un pubblico spettacolare. La partita col Melfi il ricordo più bello. Negli anni successivi, ho conosciuto allenatori come Gregucci. Ho trovato tutti allenatori e calciatori. Tra i miei ex compagni di squadra sento Marano, Alvino, De Marco, spesso Rainone."

Come vedi la Casertana attuale

"Hanno una buona squadra con un ottimo allenatore che è un trascinatore. Oggi il calcio è tutto voglia e fame. Poi c'è sotto una buonissima squadra con giocatori di categoria e altri che hanno calcato categorie superiori."

I ricordi dell'anno di Cava

"Abbiamo fatto un grande campionato nonostante un budget ridotto. Abbiamo sfiorato i playoff per due gol. Grazie a Modica, abbiamo fatto bene" 

Come vedi la Cavese? 

"Buona squadra che può tranquillamente giocare i playoff, con un allenatore bravissimo e buoni giocatori" 

Quali possono essere le chiavi del match di domenica? 

"I derby sono partite particolari, mi auguro un pareggio perché legato ad entrambe."

Quali sono le differenze tra le due piazze

"Sono due piazze importanti, dove il pubblico è esigente e vuole vincere. Ci sono sempre tante pressioni. Ci vogliono fame, cattiveria in questa categoria."

Quali possono essere le squadre che possono giocarsi la B? 

"Secondo me Ternana, Bari, Reggina, il Catanzaro, il Catania, poi ci sono le sorprese che spuntano ogni anno, ma il Potenza non lo è. Altra squadra che può far bene è il Monopoli. La sorpresa ad oggi è la Paganese."