ESCLUSIVA - Il doppio ex Moretti: "Emozione indescrivibile giocare a Caserta, la mia consacrazione ad Avellino. Domenica vincerà lo sport. Ecco il mio pronostico per domenica"

L'ex difensore di falchetti e lupi racconta le sue esperienze con le due squadre
13.11.2019 17:58 di Antonio Papale   Vedi letture
Vincenzo Moretti
Vincenzo Moretti

Domenica allo stadio Pinto ritorna il derby tra Casertana e Avellino. Per parlare del momento delle due squadre e dell'esperienza con le due maglie, la nostra redazione ha contattato il doppio ex Vincenzo Moretti. 

Enzo, hai cominciato la tua carriera proprio in maglia rossoblù: cosa ti ha lasciato quest'esperienza? Hai qualche aneddoto particolare?

"E' stata un'emozione indescrivibile giocare con la squadra della propria città. Per un casertano, giocare con la Casertana è il top, pur avendo una carriera umile. Porto ricordi bellissimi."

Nel corso della tua carriera, c'è stata poi l'esperienza di Avellino: al di là dei campionati vinti, cosa ti ha dato Avellino? 

"Avellino è stata la consacrazione calcistica. Ancora oggi, ho attestati di stima da parte di tante componenti avellinesi. Fa piacere vederli scritti. Ad Avellino ho avuto allenatori di un certo livello come Zeman, Sarri, Orrico."

Passiamo al presente. Casertana irresistibile in casa, più fragile fuori: come mai secondo te? E sul progetto stadio?

"La Casertana in casa va bene, mentre fuori casa, soprattutto per vari episodi, non riesce a ottenere quello che merita. Mi auguro che venga data a D'Agostino la possibilità della realizzazione del nuovo stadio. E ciò porterebbe maggiori risultati in termini di allenamenti. Bisogna essere grati a D'Agostino per quello che sta facendo."

L'Avellino sta passando un delicato periodo societario: quanto può incidere sui risultati che sta ottenendo la squadra? 

"La situazione societaria incide parecchio sui risultati.Non c'è tranquillità rispetto a chi ha una società solida. Ha un blasone, ma la Casertana in casa di solito concede poco."

Un pronostico per domenica

"Il pronostico perfetto sarebbe un pari con tanti gol, poi in campo scendono due squadre che possono raggiungere qualsiasi tipo di risultato"

Domenica ci sarà una gran cornice di pubblico con una nutrita rappresentanza ospite e sarà una festa dello sport: cosa ne pensi?

"Io credo che, al di là del risultato, i vincitori saranno i tifosi visto il gemellaggio che c'è da anni tra le due tifoserie. Sicuramente sarà uno spettacolo soprattutto fuori che dentro il campo."

Infine, un giudizio sul campionato 

"Sicuramente un campionato di non altissimo livello. La serie C di oggi non è quella di qualche anno fa, ma ci sono squadre come la Reggina e il Bari che sono allestite per vincere. Poi oggi non girano molti soldi e quindi vengono allestite compagini molto giovani."