Ginestra: "Inutile continuare a parlare di infortuni. Ecco cosa conterà domani per vincere la partita"

A poche ore dal match con gli irpini, il tecnico analizza la situazione in casa rossoblù
16.11.2019 12:59 di Antonio Papale   Vedi letture
Ciro Ginestra
© foto di Andrea Rosito
Ciro Ginestra

Sabato di conferenza stampa in casa rossoblù a poche ore dal match con l’Avellino, con mister Ginestra che si è presentato ai microfoni dei giornalisti presenti e ha dichiarato: "Zito ha un problema al quadricipite che si porta dalla scorsa settimana, ci sono giocatori come Silva non al top e che dobbiamo valutare attentamente. Quando dobbiamo fare una partita con tutti gli effettivi sono contento. Mi aspetto il pubblico delle grandi occasioni e soprattutto sarà una guerra calcistica. Domani importanti le motivazioni, vincerà chi ne ha di più. Avellino squadra formata da giocatori di categoria e con un allenatore che conoscono tutti. Dobbiamo stare attenti. Giochiamo a casa nostra e vogliamo vincere. Tutte le sconfitte fanno male, e in un derby ancor di più. Siamo a 2 punti dai playoff e a 4 dai playout. E vincere domani sarà un altro mattone per costruire il nostro edificio. Noi ci chiediamo ogni giorno i motivi degli infortuni, sino a quando abbiamo lavorato al Pinto non è successo praticamente nulla. Ci sono tante ragioni. Non sto allenando come mi piacerebbe fare. Devo risolvere il problema prima possibile. So cosa può fare questa squadra. Anche a me gira essere a 4 punti dai playout. Per me la salvezza equivale alla vittoria del campionato, attraverso anche la crescita dei giovani. Quattro punti possono diventare anche sette, ma siamo coscienti delle difficoltà e abbiamo bisogno del sostegno di tutti. A me fa male perdere e ricevere i complimenti. Mi confronto ogni giorno con Floro e valuto con lui l'utilizzo. Se c'è il campo pesante e dovesse avere problemi, la responsabilità è mia. Stiamo studiando più soluzioni vista anche l'assenza di Castaldo e di Cavallini. Sappiamo che Avellino e Paganese sono le partite più facili, ma non dobbiamo demordere anche nelle altre. Girare a 23 - 24 punti sarebbe importantissimo. Sono arrabbiato per i due punti con la Viterbese, ora dobbiamo recuperare punti anche nelle gare più difficili. Malgrado la sconfitta, domenica abbiamo avuto i complimenti. Probabilmente quando fai giocare i giovani capitano determinate situazioni. Abbiamo bisogno di gente di esperienza che dia una mano al giovane nei momenti difficili. Spesso sento teatro, e mi dà fastidio. Vincere domani è importante per tutti. Mi ha dato più fastidio con la Viterbese la mancanza della ricerca del colpo del ko."