Mister Bertotto: "Per vincere serve programmazione e non le figurine. Chi va in B? E' presto, riparliamone tra un mese"

12.03.2019 16:09 di Pasquale Gallo   Vedi letture
Valerio Bertotto
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Valerio Bertotto

Valerio Bertotto, nel corso di Zona Calcio andata in onda lunedì sera su Stereo 5 Tv, ha parlato a 360° del girone C della serie C. L’allenatore ha parlato innanzitutto del match di domenica tra la Casertana e la Viterbese.

Mister che partita si aspetta al Pinto?

“Rispetto alla squadra che guidavo lo scorso anno c’è una grande differenza. Hanno fatto una vera e propria rivoluzione essendo rimasti solo cinque-sei calciatori della passata stagione. Sarà una partita che la Viterbese vorrà giocarsela perché deve recuperare il terreno perduto in ottica playoff e ha anche diverse partite arretrate. La Casertana, dal canto suo proverà a consolidare un quinto posto che è una buona posizione in ottica playoff”.

Nelle fila gialloblù c’è Jari Vandeputte che l’anno scorso risultò decisivo in diverse occasioni. Un calciatore voluto da lei.

“Ci fu proposto in ritiro e mi fece un’ottima impressione. Nel suo percorso giovanile era ritenuto un vero e proprio crack in Belgio. Dopo il primo allenamento dissi al direttore di prenderlo immediatamente perché mi resi conto che il ragazzo aveva tutte le caratteristiche per essere un calciatore di categoria superiore. E’ molto serio, professionale e non a caso è attenzionato da diversi club di serie B”.

E della Casertana che idea si è fatto?

“Parto dal presupposto che le squadre si allestiscono con un progetto serio d’accordo con l’allenatore in base alle proprie idee. Mi hanno sempre insegnato che le rose non si fanno con le figurine ad ogni categoria. Nella Casertana ci sono tanti bravi calciatori ma evidentemente sono emersi problemi che hanno fatto perdere punti. Se però c’è organizzazione, unità di intenti e qualità si può vincere. Posizionandosi in una posizione adeguata in classifica potrebbero fare strada ed entrare in B dalla porta di servizio”.

Chi va in B?

“Juve Stabia e Trapani stanno dando vita ad un bel duello. Oggi è presto dire chi potrà spuntarla perché sono due gran belle squadre. Forse tra un mese se ne saprà di più ma è una bella lotta”.