Rajcic rincuora la Casertana: "Impossibile vincere con tutti questi infortunati. Faccio il tifo per mister Esposito e non è giusto prendersela con la società"

28.12.2018 13:13 di Pasquale Gallo   Vedi letture
Ivan Rajcic
© foto di Giuseppe Scialla
Ivan Rajcic

Ivan Rajcic non dimentica la sua esperienza a Caserta. Il centrocampista è intervenuto in settimana a Zona Calcio per parlare della sua ex formazione. “Quattro anni bellissimi, quattro stagioni intense, una diversa dall’altra. Ho conosciuto molti tifosi, sono rimasto amico di tanti casertani e ho della città e della Casertana grandissimi ricordi”. “Francamente neppure io mi aspettavo una situazione del genere. Qualche anno fa con Romaniello partimmo a fari spenti e poi arrivammo dove arrivammo. Sono stati presi giocatori fantastici, c’erano tutto per una grande cavalcata ma a volte per un infortunio una squalifica si arriva con una rosa ridotta e i risultati non arrivano. Dispiace perché a mio avviso c’erano tutti i presupposti per essere protagonisti. Capisco il malumore dei tifosi ma dico che ogni scelta è stata fatta in buona fede. Contestare D’Agostino o Martone per i risultati non è giusto perché loro hanno fatto il massimo per il club e vorrebbero vedere la squadra in una posizione di classifica diversa. Ma purtroppo nel calcio i risultati sono tutto e solo il lavoro, l’impegno e l’intensità quotidiana possono risolvere i problemi”.  Con nove-dieci infortunati è dura per tutti e Rajcic ammette: “Ho visto innanzitutto un terreno di gioco non al meglio. Ci sono tante concause che mettono ko un calciatore. La voglia di recuperare in fretta, lo stress, il nervosismo, la necessità di andare forte per recuperare. In questo momento ci si è messa anche la sfortuna perché tutte queste assenze non aiutano”. Una Casertana diversa rispetto a quella della scorsa stagione anche se in questo girone d’andata, come un anno fa, i risultati non stanno arrivando: “Con mister D’Angelo fu fatto un lavoro eccezionale e dopo aver trovato il giusto equilibrio riuscimmo a fare più punti di tutti nel girone di ritorno. Io dico che mister Esposito è la persona giusta per risalire, credo molto nel suo lavoro e nei suoi metodi. Ha idee valide e può riportare in alto i falchetti. Questo è il mio augurio”.