LE PAGELLE - Finizio e Meola da applausi. Delude Pinna, Rainone perde la testa

15.05.2018 23:35 di Pasquale Gallo  articolo letto 980 volte
Le pagelle
Le pagelle

FInisce a Cosenza la stagione della Casertana. Non è bastato il pari al 'San Vito-Marulla' per accedere al terzo turno playoff. Tra i migliori FInizio Meola e Turchetta. De Rose ovunque, male Pinna e Rainone. Attacco evanescente. Queste le pagelle:

Forte 6 Normale amministrazione, non può nulla sulla rete al 2’

Finizio 6,5 Spinge tanto, molto in palla oggi. Trova anche la rete del pari in posizione da attaccante (75’ Rainone s. v. Entra senza troppa grinta, paga la poca fiducia del mister nel finale di stagione. Viene espulso in pieno recupero)

Meola 6,5 Buona prova di quantità, tanta volontà ma non basta.

Lorenzini 5,5  Sul gol è in posizione troppo arretrata, infatti Tutino ha tutto il tempo per stoppare il pallone e mirare l’angolino. Al 28’ viene raggirato dall’attaccante calabrese che fortunatamente non ne approfitta. Bene al 51’ su Baclet sulla sinistra del fronte di gioco. Leggero al 70’ quando fa passare senza ostacolo Mungo. (86’ Tripicchio s. v. Solo una conclusione alle stelle, poi nulla più).

Polak 6 Solita partita attenta senza strafare.

Rajcic 6 Assist gol al 13’, ottimo in difesa di testa al 16’ e tanta tenacia. Gioca un primo tempo super, poi cala ( 64’ De Vena n.g Oggi avulso dal gioco),

Pinna 5,5 Errore sull’azione del gol in appoggio, poi meno preciso delle ultime uscite. Ci mette comunque tanta grinta contro la sua ex squadra.

De Rose 6 Ottima la sua prestazione nel primo tempo, molta qualità, poi si spegne nel finale.

Romano 6 Buona interdizione. Zanzara a centrocampo (75’ Santoro n.g. Entra quando si sta in piena lotta, partita non adatta alle sue caratteristiche)

Turchetta 6,5 L’unico con altro passo, spesso si invola in avanti, ma non trova mai la punta di riferimento

Padovan 5,5 Lotta tanto, ma l’attaccante deve realizzare, purtroppo oggi una sola conclusione verso la porta(75’ Alfageme n.g. Viene inserito troppo tardi in una partita troppo delicata, nulla può.)