Casertana, D'Agostino annuncia: "Stipendi non pagati a causa del coronavirus, ma manterrò fede ai miei impegni.". Penalizzazione in vista?

Il presidente rossoblù annuncia che non è riuscito ad adempiere alla scadenza di ieri relativa agli stipendi ai tesserati
17.03.2020 10:37 di TC Redazione   Vedi letture
Giuseppe D'Agostino
© foto di Giuseppe Scialla
Giuseppe D'Agostino

In un comunicato stampa arrivato pochi minuti fa, la società rossoblù ha annunciato ufficialmente che non ha rispettato la scadenza di ieri relativa al pagamento degli emolumenti ai tesserati. A questo punto, secondo le norme federali, per i falchetti, dopo il deferimento, quasi sicuramente ci sarà una penalizzazione di due punti.

Ecco il testo del comunicato del club rossoblù:

La Casertana FC, con immenso sconforto e dispiacere, comunica di non aver adempiuto al pagamento degli emolumenti entro il termine previsto del 16 marzo. A tal propositivo il presidente Giuseppe D’Agostino interviene: “Per la trasparenza e la lealtà che ha sempre caratterizzato il mio rapporto con tutti i tifosi rossoblu, sono a qui a metterci la faccia e ad esporre in prima persona l’accaduto, anche se questo mi causa profondo dolore e dispiacere. Preferisco che sia io a rendere noto ciò, senza aspettare le comunicazioni di rito degli organi preposti. E’ risaputo che, da sempre solo in questa difficile ed avvincente avventura, per il sostentamento della Casertana, ad ogni scadenza, ho attinto alle casse dell’azienda di famiglia.

Realtà florida e consolidata che c’ha permesso sempre di tener fede a tutti gli impegni e fronteggiare anche la pregressa e consistente massa debitoria. Purtroppo lo stato di emergenza creato dal Coronavirus ha rappresentato un colpo di immani proporzioni per tutte le realtà commerciali. Una crisi inopinata e impossibile da prevedere che non ha graziato la mia azienda.

Questo ha reso impossibile rispettare la scadenza del 16 marzo per il pagamento degli stipendi. Per chi come me, nel lavoro come nel calcio, ha operato nel pieno rispetto di norme e impegni, questo rappresenta sicuramente un momento di profonda amarezza. Il mio pensiero va a tesserati e dipendenti che, spero, possano comprendere questa triste contingenza.

Detto ciò, non lascerò nessuno indietro. E terrò fede a tutti gli impegni assunti, sperando che questo momento di profonda difficoltà per il nostro Paese e non solo, sia presto un cattivo ricordo”.