Casertana, quattro anni fa il ritorno nel panorama professionistico

 di Antonio Papale  articolo letto 541 volte
Casertana
© foto di Emanuele Taccardi/TuttoMatera.com
Casertana

Il 5 agosto sarà sempre scolpito nella memoria dei tifosi della Casertana: infatti, quattro anni fa esatti, alle ore 17,23, i falchetti hanno ritrovato i pro dopo anni di sofferenza in categorie che i tifosi rossoblù non meritavano. E ciò è stato frutto dei playoff di serie D dove gli uomini allora allenati da Maiuri arrivarono in finale sconfitti dalla Virtus Vecomp. Ma, complici i numerosi fallimenti, si sono riaperte le porte del professionismo. Da lì 4 esaltanti stagioni. Nel 2013/14, il secondo posto in seconda divisione porta l'approdo nella Lega Pro unica: male invece in coppa Italia dove i falchetti allora allenati da Capuano uscirono al primo turno. Anno 2014/15 ed i rossoblù riassaporano le grandi sfide: non bastano un quinto posto e un ottimo campionato per arrivare ai playoff promozione. Bene in Tim Cup, dove, eliminate Reggina e Crotone, si cade con onore a Cesena. Ancora meglio in coppa Italia di Lega Pro dove solo una sconfitta ai rigori a Pontedera nega la semifinale. Nel 2015/16 il progetto sembra ridimensionato, ma i falchetti arrivano, per tre quarti di campionato, a giocarsi la vittoria finale; arriverà un quarto posto finale, prima del ko a Pordenone nei playoff. In Tim Cup, superato il Lecco, poi arriva una scoppola ad Avellino. Nella coppa Italia di Lega Pro, fuori negli ottavi a Teramo. L'anno scorso, ottimo nono posto in campionato (considerando le vicissitudini iniziali che, in 6 mesi, portano la presidenza da Lombardi a D'Agostino, passando per Tilia), poi vittoria a Siracusa e ko con l'Alessandria nei playoff. In Tim Cup vittoria col Tuttocuoio e ko a Vicenza. Nella coppa Italia di Lega Pro, subito fuori per mano della Maceratese. Il resto è storia recente, con il ko di Matera in Tim Cup, ed un futuro ancora da scrivere con la speranza di ritornare presto in categorie superiori.