Rivivi con noi la conferenza stampa di presentazione del neo mister rossoblù Gaetano Fontana

21.06.2018 18:14 di Antonio Papale  articolo letto 1406 volte
Fontana e D'Agostino
Fontana e D'Agostino

Oggi giorno importante in casa rossoblù: è infatti prevista la conferenza stampa di presentazione del nuovo mister rossoblù Gaetano Fontana.

Rivivi con noi ogni momento dell'evento:

Ore 18,09: entrano in sala stampa il presidente D'Agostino, il consulente di mercato Martone, mister Fontana ed il suo staff.

Il primo a parlare è il presidente D’Agostino: “La scelta era già fatta, quest’anno abbiamo depistato tutti. Mister Fontana ci è subito piaciuto come persona, come progetto, ambizioni ed ha sposato in tutto e per tutto la nostra causa”. Poi il direttore Martone: “Ho incontrato il mister, abbiamo parlato ed ho avuto subito un’ottima impressione. E’ seguito poi un secondo appuntamento e c’è stato subito un grande feeling. La scelta è dovuta al professionista, ci sono tutti i tasselli giusti al posto giusto. Capitano anni sfortunati, il prossimo daremo ancora di più”.

Parola poi a mister Fontana: “Dopo esser stato qui da avversario, la piazza mi ha confermato bellissime sensazioni. La società mi ha chiesto sacrificio, dedizione e sono qui per questo, per me è la base per ottenere un risultato. Lavoreremo tanto ma le sfide non mi preoccupano, sono pronto a dare il massimo ed ho le idee molto chiare. Da parte di qualunque allenatore è riiduttivo ragione tatticamente in un unico senso. Nella mi carriera ho incontrato così tante difficoltà ed ho imparato a modificare la mia squadra in corsa. Al momento abbiamo tre difensori sicuri in rosa, che hanno fatto molto bene lo scorso campionato e togliere loro le certezze ad oggi è prematuro. Conosco bene ad esempio Pinna e so quanto vale: so che fa bene dove è stato posizionato lo scorso anno e basta restare su questa linea. Il campo poi ci dirà se proseguire così o cambiare, diamoci del tempo”.

“Immediatamente dopo la firma ci siamo ritrovati in sede ed a firma avvenuta li ho ringraziati a priori: il direttore tra una rosa di sei, sette allenatori ha scelto me e mi sento il prediletto, fortunato, onorato. So che ha contattato anche tanti altri tecnici blasonati e capaci. Per me è una grande fortuna essere qui, in questa piazza, con questa proprietà che non vuole fermarsi qui ma migliorarsi sempre, con ambizione e lavoro. Sono affamato, otto mesi fermo per me sono sembrati un’eternità. L’anno scorso sono stati ottenuti grandi risultati per come era iniziata la stagione. A Cosenza sono stati commessi degli errori, ho pagato io ma era giusto così. Merito poi anche a Braglia ed ai ragazzi per la promozione in B. In questa categoria serve coesione, carattere e sono cose che si acquistano col tempo, in campionato e non in pre campionato. Con i tre punti, con l’inizio ufficiale della stagione, il giocatore ragiona in maniera diversa. Sono stufo anche io di seminare tanto e raccogliere poi, ora voglio i risultati: e so che li possiamo conquistare insieme”.

“Non ero stato contattato solo dal settore giovanile del Napoli. Mi riservo un segreto da confidarvi ma solo a fine campionato. I direttori hanno un compito arduo, scegliere tra tanti il tecnico giusto, stesso vale anche per noi. Io la scelta giusta l’ho fatta, lo sento. E spero sia così anche in base ai risultati, me lo auguro ancora più di voi”.

Ancora il presidente D’Agostino: “Dei lavori al Pinto ancora non si sa nulla. Ad oggi non c’è nulla di certo ma abbiamo ancora del tempo davanti a noi”. Riprende il discorso Martone: “Ciò che mi ha colpito del mister sono stati gli occhi, l’ambizione, la voglia di arrivare lontano con la Casertana. L’uomo è quello che è mi è piaciuto di più e mi ha colpito. Io ho parlato con cinque allenatori, una volta sola. Tranne con Capuano che è venuto lui da noi per altri motivi. E’ arrivata così la fumata bianca, al di là dell’immenso professionista: la fame, l’uomo ed il carattere. Ci chiamano in tanti, tutti vogliono venire a Caserta rispetto agli anni scorsi. E’ una bella soddisfazione, nessuno ci ha detto di no. Con il mister abbiamo parlato, il presidente è pronto e la nostra mentalità è fare calcio per fare entusiasmo. Voglio partire dalle ultime gare interne, con il Pinto pieno. E vorrei fosse così sin dalla prima giornata, in ogni settore”. Il mister torna sul mercato: “Abbiamo per ora parlato di caratteristiche ovviamente. Fare mercato è complicato e non voglio metterci troppo bocca. Da parte mia non ci sarà alcuna spinta particolare, il direttore è talmente capace che mi metterà a disposizione una squadra più che competitiva, il mio mestiere è allenare”.

Martone sulla squadra in ritiro: “Ad oggi andranno in ritiro i sette giocatori che abbiamo e coloro che arriveranno. L‘80% della rosa, è questa la nostra idea al momento. L’esperienza dell’anno scorso per noi è importante, c’è voluto tempo per compattarci tutti ed a dicembre c’è stata la spinta vincente. Non è stato il calciomercato: tre innesti e l’attaccante, poi abbiamo registrato degli infortuni. La squadra c’era ma in gran parte non aveva svolto il ritiro. Io voglio ringraziare anche tutto lo staff rossoblù che mi è sempre stato vicino nei momenti di difficoltà”. Chiosa di Fontana: “C’è uno scambio costante con presidente e direttore, al momento non abbiamo parlato concretamente di mercato. La scelta forse è ricaduta su di me proprio perché c’è stata grande empatia, basata su schiettezza, rispetto e sincerità. Sono valori fondamentali e spero ci accompagnino sempre”.

Il presidente D’Agostino sulla possibile sinergia con la Salernitana: “Chiariamo: non c’è nessuna sinergia, solo un rapporto di scambio di opinioni, nel caso di esigenze di mercato. Ma non è detto che ci siano. Campagna abbonamenti? Il doppio dei prezzi (ride ndr!). Cercheremo di fare una buona squadra, nelle nostre possibilità. Non è solo questione di soldi: serve bravura, esperienza, fortuna. L’appello che faccio ai tifosi: compattiamoci, seguiamo la squadra, in casa e fuori. Noi faremo in modo che l’anno prossimo ci iscriveremo sempre al campionato, per fortuna noi questi problemi non li abbiamo e non li avremo. Mister Esposito è un uomo della società e per me è un buon allenatore che tra qualche anno sarà un ottimo allenatore, come uomo poi non si discute”.

Ancora D’Agostino sullo stadio: “Abbiamo un accordo di massima col Comune per prendere in futuro in gestione il Pinto. Poi potremmo fare il sintetico e tutto ciò che vogliamo. Il Sindaco Marino ha detto che i lavori si faranno, è una persona seria e gli credo. Diamogli tempo, io a giocare fuori Caserta non vado. Do fiducia a chi ha detto che i lavori al Pinto ci saranno. Quando giochiamo male e non arrivano i risultati, io sono il primo che sta a male e si innervosisce. Chi viene qua deve avere paura, dobbiamo incitare i ragazzi fino alla fine, poi nel post match analizziamo e se c’è bisogno critichiamo. Fino al fischio finale, voglio sempre una bolgia”.

Ore 18,56 termina la conferenza stampa.