Casertana, a Lecce una sconfitta che brucia. Con la Paganese è vietato sbagliare

 di Antonio Papale  articolo letto 430 volte
Un'azione di Lecce-Casertana
Un'azione di Lecce-Casertana

La sconfitta di ieri a Lecce ha regalato alla Casertana l'ultimo posto in classifica seppur in condominio con Andria e Akragas ma ha portato anche elementi positivi da portare con sé nel futuro. 

 

Innanzitutto la prestazione che è stata positiva al cospetto della capolista che, seppur vincente, ha dovuto soffrire tantissimo per poter portare a casa l'intera posta in palio. E la crescita nelle prestazioni dei falchetti, partita da Fondi, è il primo elemento da far sperare in un futuro più roseo e meno tribolato per i colori rossoblù.

 

Altro elemento positivo è il ritorno al gol dopo un'eternità e arrivato seppur grazie a un eurogol di Galli. Si spera che sia il preludio ad un ritorno duraturo dei falchetti nel bucare le reti avversarie. 

 

Ed ora la sfida alla Paganese assume i connotati di un vero e proprio spareggio da vincere senza se e senza ma, soprattutto se si tiene conto che tornano Alfageme e De Rose che possono fare la differenza in partite delicate come questa. Ma sabato sarà fondamentale avere il Pinto trascinatore perché questo tipo di partite si vincono anche col pubblico a fare da uomo in più.