Casertana, un nuovo spreco costa punti preziosi. Potenza occasione per rimediare subito prima di un ciclo più morbido

I falchetti perdono l'occasione di blindare la salvezza
20.01.2020 13:50 di Antonio Papale   Vedi letture
Casertana, un nuovo spreco costa punti preziosi. Potenza occasione per rimediare subito prima di un ciclo più morbido

Il pari rimediato ieri al Pinto dalla Casertana contro la Virtus Francavilla è lo specchio forse della stagione rossoblù, fatta di cose buone vanificate da altre meno buone, come l'ingenuità di Paparusso sul rigore del pari. Ma, al di là di ciò, i falchetti, non hanno fornito una buonissima prestazione. Come sempre, però, bisogna prendere in considerazione gli aspetti più importanti che il pari coi pugliesi ha lasciato in eredità.

ENNESIMO SPRECO - Ormai sono innumerevoli le occasioni che i falchetti stanno perdendo per chiudere il discorso salvezza. Per stessa ammissione di staff tecnico e squadra, gli errori che stanno costando punti importanti. E ieri, l'ingenuità di Paparusso ne ha tolti altri due.

QUARTO D'ORA BUONO, POI.... - I falchetti hanno avuto un buon quarto d'ora passando in vantaggio con un gol del ritrovato Castaldo poi, inspiegabilmente e quasi come con la Paganese, hanno arretrato il baricentro e la Virtus Francavilla ha preso coraggio, meritando il pari nonostante fosse 10 contro 11. Colpa grave quindi il non provare ad ammazzare la partita.

TABÙ PINTO? - È innegabile, la Casertana non vince più in casa da due mesi. Potrebbe sembrare un tabù, non lo è, ma può diventarlo, soprattutto psicologicamente, se non si torna a vincere tra le mura amiche. 

CLASSIFICA BUONA, MA.... - Al di là del pari di ieri, la classifica resta buona coi falchetti che sono più vicini ai playoff che ai playout. Ora però è importante cercare di chiudere il discorso salvezza quanto prima per pensare ad altri obiettivi e prendersi qualche sfizio.

POTENZA OCCASIONE PER RIFARSI, POI BUON CALENDARIO - Nemmeno il tempo per piangere per il pari di ieri, i rossoblù hanno subito l'occasione per rifarsi, ma l'avversario si chiama Potenza che comunque sta facendo bene e non verrà a Caserta per una gita. Serviranno gara perfetta e l'apporto del pubblico per domare i lucani. Poi, il calendario dà una mano alla Casertana per chiudere il discorso salvezza con Rieti, Picerno e Bisceglie: gare facili solo sulla carta, ma da vincere.