Un nuovo atto d'amore di D'Agostino salva la Casertana. Ora fondamentale essere uniti per non vanificare i suoi sacrifici

08.07.2018 09:55 di Antonio Papale  articolo letto 3961 volte
Giuseppe D'Agostino
© foto di Giuseppe Scialla
Giuseppe D'Agostino

Che Giuseppe D'Agostino amasse la Casertana come una sua creatura lo sapevano anche le mura dello stadio Pinto, ma non al punto di compiere veri e propri atti d'amore per lei e salvarla, per l'ennesima volta, dal baratro. Il tutto nasce da una chiamata di mercoledì sera da parte della Covisoc che richiedeva l'aumento del capitale sociale per 800 mila euro e l'integrazione della documentazione presentata in sede di iscrizione al campionato con l'accertamento effettuato dall'Agenzia delle Entrate e che comunque non si è tradotto in una sanzione ufficiale.

Ed è da qui che D'Agostino inizia il suo atto d'amore: chiama i commercialisti, aumenta il capitale sociale con l'inserimento degli 800 mila euro e approva il bilancio. Il tutto in sole 24 ore, non facendolo la Casertana sarebbe stata inizialmente esclusa dal campionato e sarebbe stata penalizzata, ma D'Agostino non ha voluto dare quest'onta negativa alla sua creatura dimostrando, qualora ce ne fosse bisogno, il suo infinito amore per la maglia rossoblù.

Ed ora che è stato compiuto quello che si può tranquillamente definire come un miracolo, tutti devono dimostrare l'amore verso la Casertana e D'Agostino: i tifosi con le presenze allo stadio, l'appoggio incondizionato e gli abbonamenti, e le istituzioni, che devono comprendere i sacrifici di quest'uomo che solo per amore sta facendo infiniti sacrifici per la sua creatura.