PAGINE STORICHE - Quando Morganti e Bonaldi interruppero la lunga imbattibilità interna del Martina

18.03.2016 14:00 di TC Redazione   Vedi letture
Il giornale dell'epoca
Il giornale dell'epoca

L'11 gennaio '87 la Casertana violò il Comunale di Martina Franca. Decisero le reti di Morganti e Bonaldi e per i pugliesi fu un ko interno dopo due anni di imbattibilità. Ecco la cronaca dell'epoca firmata da Pasquale D'Arcangelo per la Gazzetta del Sud.

La Casertana si conferma bestia nera del Martina e puntualmente sedici anni dopo la sua unica apparizione vincente al Comunale, concede il bis espugnando nuovamente il campo martinese imbattuto dal 23 settembre 1984. Complice il portiere Petrullo che ancora una volta ha vissuto una domenica sfortunata, e sorretta dal vento che ha imperversato per tutto il primo tempo in suo favore, scomparendo nella ripresa per far posto ad un acquazzone, la Casertana è riuscita a portarci a casa i due punti che la rilanciano al vertice della classifica. Un gol per tempo di Morganti e Bonaldi hanno letteralmente messo in ginocchio il Martina privo di De Comite e Arena, Villirillo e Presicci a centrocampo non sono riusciti a far gioco, costretti a traversoni dalla trequarti per l’accorta tattica difensiva dei campani che hanno tarpato le ali del Martina bloccando sulle fasce Castagna e Argentieri. Le condizioni climatiche negative non hanno certamente favorito la generosa rincorsa del Martina costretto a giocare in salita. Ma a parte gli episodi sfortunati dei due gol rimediati, la squadra martinese ha dimostrato di soffrire non poco i terreni pesanti per l’agilità dei suoi centrocampisti, davvero irriconoscibili al cospetto dei vari Troise, Ianniello, Roso e Suppa, sostenuti costantemente da Giordano e Roccotelli. Eppure la prima palla gol è capitata sulla sinistra di Corrente al 5’: appena dentro l’area l’attaccante martinese s’è girato bene su Lorieri sparando però alto. Al 12’ la Casertana ha dovuto addirittura rinunciare a Genzano colto da una contrattura, ma Materazzi non ha rinunciato allo schieramento ad una punta inserendo il giovane Roso in zona di Pettinicchio per lasciare Suppa su Castagna, Troise su Argentieri, Giordano su Villirillo e Ianniello su Presicci. Al 16’ un calcio di punizione di Morganti all’altezza della panchina di Pelagalli sulla tre quarti si è clamorosamente insaccato sulla sinistra dell’esterefatto Petrullo rimasto a guardare il pallone rimbalzato a metà strada tra lui e Colaprete. Pettinicchio ha protestato, ma l’arbitro gli ha confermato che il calcio piazzato non era indiretto. Si è gettato a capofitto in avanti il Martina ottenendo una serie di angoli e sfiorando il pari al 33’ con una incornata alta di  Lo Gatto. Una punizione di Corrente al 5’ della ripresa ha bruciato le mani a Battara salvatosi in angolo: ma due minuti dopo Bonaldi è svettato più in alto di tutti nell’area martinese, correggendo in rete di testa un traversone di Troise. Un bolide di Villirillo dal limite al 21’, ribattuto a pugni chiusi da Battara, ha risvegliato il Martina che cinque minuti dopo ha segnato il gol della bandiera con un gran tiro di Presicci passato tra le gambe di Battara.

 

MARTINA: Petrullo, Guadalupi, Colaprete, Pettinicchio, Tnpepi, Argentieri, Castagna, Presicci, Lo Gatto, Villinllo, Corrente 12 Cimino, 13 Pellegrini, 14 Michelmi, 15 Redi, 16 Borolussi (ali Pelagalli)

CASERTANA: Battara, Buccilli, Giordano, Troise. Loneri, Morganti, Roccotelli, lanniello, Genzano (12' Roso), Bonaldi, Suppa (85' Rossi) 12 Cardinale,13 Acconcia,15.Cambaresi (all. Materazzi) ARBITRO: Conforti di Macerata

RETI: nel p.t. 16' Morganti, nel s.t. 7’  Bonaldi, 26' Presicci.

NOTE: spettatori 2016 paganti per un incasso lordo di L. 17.106.900 Angoli 9-1 per il Martina Ammoniti: Troise, lanniello, Buccilli, Pettinicchio. Premiati prima dell'incontro gli ex calciatori del Matina Mimmo Scarola e Giuseppe Catapano.