L'assemblea di Lega chiede lo stop definitivo in attesa del Consiglio Federale. Ecco comunque tutte le decisioni prese

07.05.2020 18:32 di Antonio Papale   Vedi letture
Lega Pro
Lega Pro

Nel pomeriggio di oggi si è riunita l'assemblea di lega che ha proposto lo stop al campionato, la promozione di Monza, Vicenza e Reggina in serie B insieme a una quarta che sarà scelta per meriti sportivi (per media punti Carpi appena avanti su Reggiana e Bari), il blocco delle retrocessioni in D e dei ripescaggi dalla stessa D. Prima che tutto ciò sia ufficiale, bisognerà aspettare l'ok del consiglio federale.

Alla fine dell'assemblea, ecco il comunicato stampa della Lega Pro:

“Oggi abbiamo compiuto e scritto una bellissima pagina di Lega Pro. Malgrado il Paese sia nel pieno della sofferenza e nonostante le difficoltà che ogni Club sta vivendo, ci siamo confrontati con grande responsabilità, mettendoci in ascolto e dimostrando rispetto per l’altro”. Queste le parole pronunciate da Francesco Ghirelli, numero uno della Lega Pro, al termine dell’Assemblea nella quale i Presidenti si sono pronunciati sulle proposte che saranno portate al Consiglio Federale, unico organo preposto alle decisioni riguardanti l’evoluzione dei campionati alla luce del Covid-19. I presidenti si sono dimostrati compatti: si sono detti favorevoli allo stop del campionato, al blocco delle retrocessioni e dei ripescaggi, alle promozioni in Serie B delle prime 3 squadre, al merito sportivo come parametro per far salire la quarta squadra. Le proposte riflettono pienante la specificità della Serie C, con il suo impianto sociale unico ed originale, e la sua coerenza con le scelte fatte quel 21 febbraio, quando le partite furono interrotte, nel rispetto di quanti stavano soffrendo sotto i colpi del virus. “Soffro per il mio Paese, mi dà dolore vedere ancora tanta sofferenza a causa di questo maledetto virus. Dopo questa giornata sono sollevato e sono felice che si sia fatta sintesi tra i legittimi punti di vista e le ragioni di tutti. La Lega Pro è formata da 60 realtà molto diverse tra loro, che oggi hanno dimostrato di avere un orizzonte comune e di essere mosse tutte da una autentica passione. Un sentimento profondo non solo per lo sport ma anche e soprattutto per quello che lo sport, e in particolare il calcio, può fare per il nostro territorio” dichiara Ghirelli. “La Federazione sta svolgendo un ottimo lavoro, e qualsiasi decisione prenderà, il senso di responsabilità e il rispetto per l’altro, soprattutto per le diversità, ci devono guidare”.