Martone ad Alè Casertana: "La squadra ha capito cosa ci voleva per uscire dalla bassa classifica. A gennaio portati veri uomini"

12.03.2018 20:45 di Antonio Papale  articolo letto 554 volte
Aniello Martone
© foto di Giuseppe Scialla
Aniello Martone

Nel pomeriggio di lunedì, nuova puntata di Alè Casertana, trasmissione che si occupa di tutto quello che gravita intorno ai falchetti. Tra gli ospiti il consulente di mercato rossoblù Aniello Martone, che ha dichiarato: "Per me, al di là di tutto, è una squadra che lotta su ogni pallone e si sacrifica. Abbiamo capito che ci voleva sacrificio. Il mercato di riparazione serve per correggere gli errori, e capita sbagliare. Abbiamo portato prima dei giocatori degli uomini. Le critiche fanno parte del gioco. Prendersi le responsabilità ci sta, ma bisogna cercare di non andare sul personale. A Caserta bisogna fare qualcosa di buono, ed è quello che vuole il presidente D'Agostino. Prima i debiti, poi le infrastrutture, infine la squadra. Qualche errore di inesperienza è stato fatto, se non c'era potevamo essere anche più sopra. Sono contento che si sta creando qualcosa di buono. I primi sei mesi sono stati surreali, da gennaio è stata tutta un'altra storia. Ringrazio il presidente che mi ha sostenuto nei momenti difficili. Spero che ci sia il maggior numero di gente allo stadio. Siamo giovani in tutti i settori, siamo appena all'inizio di quello che possiamo fare. Il presidente preferirebbe avere lo stadio pieno."