Cangelosi post Taranto: "Bravi a soffrire. Playoff? Aspettiamo la matematica" Bacchetti: "Importante non prendere gol"

30.03.2024 17:03 di Antonio Papale   vedi letture
Vincenzo Cangelosi
Vincenzo Cangelosi
© foto di Giuseppe Scialla

Al termine del match giocato al Pinto col Taranto, come sempre lucida l'analisi di mister Vincenzo Cangelosi che ha dichiarato:

"Buona Pasqua a tutti, ma soprattutto che ci siano tranquillità e salute. Capuano? Partita complicata, lo sapevamo. Ognuno voleva vincere. L'essenza del calcio è il gol, noi con un pò di fortuna l'abbiamo fatto, loro no. Punti pesanti, l'estetica in certi casi viene meno. Oggi era un'altra partita dove giocare alle 14 era complicato. Avevo detto alla squadra di essere bravi nel palleggio, nel complesso il calo ci poteva stare. Ci sta anche soffrire in certi momenti. Nel secondo tempo, a parte due occasioni, non abbiamo sofferto. Peccato per le ripartenze. Dipende sempre da dove riusciamo a conquistare il pallone. Attaccarli quando sono schierati è complicato. Avevo chiesto ai terzini di aspettare e poi ripartire. Strada ripresa? Ogni partita presenta diverse difficoltà. Aspettando il risultato del Cerignola, la matematica può darci conforto. Godiamoci il quarto posto nell'uovo di Pasqua. Pensiamo a venerdì. Infortunati? Ci vuole il tempo fisiologico. Quando rientreranno, dovranno recuperare condizione. Non ho fretta. Cambi tattici? Difesa a tre solo per esigenze particolari. Nati per giocare a quattro. Matematica? Cambia poco, bisogna eventualmente solo aspettare. Al di là di tutto, fatto un campionato importante. Festeggiamo la Pasqua, poi pensiamo al Foggia. Nel complesso Taranto squadra importante a centrocampo. Il vantaggio ci ha agevolato ulteriormente. Noi siamo arrivati bene quando abbiamo giocato insieme velocemente. In trasferta fatti pochi gol, questa squadra col rientro di tutti può ulteriormente migliorare."

Ha parlato poi anche Loris Bacchetti che ha dichiarato:

"Ho ascoltato l'ultima domanda, segniamo di meno ma abbiamo maggior equilibrio. Nelle ultime tre non abbiamo preso gol. Potevamo chiuderla per non soffrire. La partita è stata equilibrata nei vari dati. Pestone in area di rigore sulla mano. Presto per pensare dove arrivare ai playoff, è un campionato a parte. Andata? Non ho vissuto sulla mia pelle, adesso c'è equilibrio. Affrontiamo le partite allo stesso modo."