SPECIALE - Emergenza coronavirus: ecco cosa ne pensano i colleghi del girone C (prima puntata)

16.04.2020 14:50 di Antonio Papale   Vedi letture
Pallone serie C
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Pallone serie C

L'emergenza coronavirus sta mettendo in crisi tutto il mondo, ed ovviamente anche il calcio che vede a rischio la ripartenza dei campionati di A, B e C, nonché dei campionati dilettantistici. Per parlarne, la nostra redazione ha contattato i colleghi del girone C per saperne la loro opinione. La prima puntata di questo speciale è nella nostra regione e sono stati interpellati Massimo Ieppariello di avlive.it e Danilo Sorrentino di Eleven Sports.

Secondo Ieppariello, che cura da vicino le vicende dell'Avellino, "è un azzardo ripartire senza la dovuta sicurezza. Per la A, tutto si basa sulle TV che sono la principale fonte di sopravvivenza dei club. Oggi la priorità è la salute, ma gli italiani sono preoccupati anche per un'eventuale ripartenza." 

Per Danilo Sorrentino, molto vicino alle sorti della Paganese, "la salute viene prima di tutto. A decidere deve essere la Figc, d'intesa con governo e iss. Partendo solo A e B, le altre leghe perdono la loro regolarità, in termini di promozioni e retrocessioni. La C non ha le possibilità per essere al passo con la A. Si può attendere fino alla fine di giugno, poi bisogna decidere cosa fare, per non falsare anche la prossima stagione."