Cangelosi: "Vittoria di cuore che ci fa centrare il primo obiettivo" Carretta: "Gol importanti per il morale, ad Avellino per giocarcela"

15.02.2024 21:05 di Antonio Papale   vedi letture
Vincenzo Cangelosi
Vincenzo Cangelosi
© foto di Giuseppe Scialla

Al termine della gara giocata al Pinto col Monterosi, in sala stampa si presenta per analizzare tutte le dinamiche della gara mister Vincenzo Cangelosi.

Queste le sue parole:

"Loro hanno giocatori difficili da marcare per la loro prestanza fisica. Prendere gol su palla inattiva è per distrazione. Grande partita per intensità, voglia. Se questa squadra se la gioca fino alla fine è perché è viva. Contento per aver raggiunto i 44 punti, mi auguro che possiamo divertirci tutti, e non vorrei tensioni. Per me le partite finiscono al fischio finale. Gol preso per una palla persa in uscita, poi bravi a reagire. Deli sostituito per evitare un secondo giallo. Siamo riusciti ad attuare il mio piano partita, messi tre attaccanti di movimento per mandarli in difficoltà e alzare i ritmi. L'importante è sempre segnare un gol in più. I ragazzi hanno sputato sangue e dato dimostrazione di attaccamento ai colori sociali. Sono andato incontro ai numeri. Taurino ha fatto un grandissimo lavoro, avevo in mente di mettere Rovaglia, arma in più per le prossime partite. Vorrei avere tutti a disposizione e schierare l'undici migliore."

Successivamente, si presenta anche Mirko Carretta che ha dichiarato:

"Reazione importante dopo essere stati sotto di due gol, importante mettere in piedi la partita in questo modo. Pareggiarla e andare in vantaggio significa avere due attributi grandi quanto una casa. Siamo entrati negli spogliatoi coscienti di continuare la rimonta. Stabilito che dovevo tirare il rigore, sbagliare sarebbe stato una mazzata. Questo periodo abbiamo perso punti, ma è sbagliato pensare di vincere tutte le partite. Tutti hanno fatto questo errore dopo dodici partite utili. Il girone di ritorno è altro campionato. La C è un campionato difficile. Aver avuto delle battute d'arresto ci ha danneggiato mentalmente, al contrario di questa vittoria. Archiviamo oggi e pensiamo ad Avellino per fare risultato contro una squadra costruita per vincere. Contento per i gol dopo un periodo dove sono stato fermo due mesi, ora è passato un mese, e spero di ritrovare delle certezze. Il titolo? Pazza Casertana."