Casertana, attenzione e praticità regalano tre punti vitali. Ora due jolly per sfatare il tabù Pinto

30.11.2020 13:24 di Antonio Papale   Vedi letture
Esultanza Carillo
© foto di Giuseppe Scialla
Esultanza Carillo

La vittoria ottenuta in extremis in quel di Cava de Tirreni nello spareggio salvezza con i metelliani regala alla Casertana una boccata d'ossigeno fondamentale per morale e classifica, nella speranza che davvero parta il vero campionato dei rossoblù. Come sempre, però, andiamo a cogliere i principali spunti di riflessione che la gara del Simonetta Lamberti ha lasciato in eredità. 

CASERTANA ATTENTA E PRATICA - Ieri si è vista una squadra non spettacolare, ma che ha badato soprattutto al risultato, attraverso l'attenzione e l'applicazione in fase difensiva e la praticità mostrata attraverso il gol di Carillo.

CARILLO GOLEADOR ESTERNO - Ormai il difensore rossoblù non fa più notizia coi suoi gol, ora 3, tutti esterni. Quando il centrale ha segnato, i falchetti non hanno mai perso.

SAN MICHELE AVELLA - Il portiere nato nel settore giovanile rossoblù acquisisce, partita dopo partita, consapevolezza nei propri mezzi. Anche ieri, sul risultato di parità, almeno due interventi decisivi. Ripetiamo, non diamo troppe responsabilità al giovane portiere dei falchetti che può essere un valore aggiunto per il campionato rossoblù.

MATESE, DOLCE CONFERMA - Anche per il centrocampista migliora il livello delle prestazioni tale da mettere in condizione Guidi di puntare su di lui.

FALCHETTI CORSARI - Sette punti su nove, ossia il 77,8 per cento, i falchetti li hanno raccolti fuori, anche se è ora di raccogliere qualcosa di più al Pinto, dove la media punti è appena di 0,4 a partita.

DOPPIO JOLLY INTERNO - E ora in casa rossoblù c'è un doppio appuntamento interno da sfruttare sia per sfatare il tabù Pinto, sia per allontanarsi definitivamente dalla zona rossa di classifica.