Cangelosi analizza il match di Catania: "Punto importante, fatto di necessità virtù per le assenze" Venturi: "Parate arrivate su ripartenze, non finalizziamo per poca lucidità"

11.02.2024 19:20 di Antonio Papale   vedi letture
Vincenzo Cangelosi
Vincenzo Cangelosi
© foto di Giuseppe Scialla

Al termine della gara giocata al Massimino contro il Catania, in sala stampa si presenta mister Vincenzo Cangelosi che analizza con la massima lucidità il match.

Queste le sue parole:

"Abbiamo dovuto fare di necessità virtù, nel senso che, avendo tanti indisponibili, specialmente a centrocampo, non avevo grandi alternative e sapevo bene della forza d'urto che ha il Catania che per me è un'ottima squadra con grande prestanza fisica con giocatori importanti che ti possono mettere in difficoltà in qualsiasi momento. Cambio modulo dopo la superiorità numerica? Volevo vedere come sfruttare l'occasione. Abbiamo creato qualcosina ma alla fine il risultato è giusto. Partita divertente. Bene nel reggere la loro forza d'urto. Secondo me, anche con l'uomo in più, era inutile sbilanciarsi in avanti, anche perché avevamo i tre centrali ammoniti. Problemi offensivi? Entrambe hanno provato a vincere. Non sempre si fa gol, perché i portieri sono messi lì per parare e perché ci sono gli episodi. Loro hanno avuto tre occasioni dove il nostro portiere è stato bravo. Anche noi abbiamo tentato, sono momenti."

Poi ha parlato Giacomo Venturi che ha dichiarato:

"Partita equilibrata. Primo tempo abbiamo fatto fatica perché abbiamo giocato in un modo diverso. Anche se faticavamo a trovare gli equilibri, il Catania non è stato mai pericoloso. Interventi fatti su palle perse dai miei compagni e su loro ripartenze. Senza errori, e, quindi, senza le loro ripartenze, non avrei fatto quelle parate. Abbiamo prodotto qualcosa in superiorità numerica, ma senza finalizzare per mancanza di lucidità negli ultimi venti metri. Intervento più importante? Quello su Cicerelli."