Vigilia della prima trasferta stagionale, Maiuri: "Voglio l'ambizione negli occhi dei giocatori"

25.09.2021 13:52 di Luca Petrone   vedi letture
Vigilia della prima trasferta stagionale, Maiuri: "Voglio l'ambizione negli occhi dei giocatori"
Tuttocasertana.it
© foto di Carlo Giacomazza/CGP Photo Agency

La notizia del giorno è l’arrivo di Sansone, ma c’è la trasferta col Fasano

Siamo contenti, sarà molto utile alla causa comune. Chiaramente la nostra mente adesso è concentrata sulla gara di domani, abbiamo fatto una preparazione in linea con le sedute precedenti con intensità e spirito d’appartenenza. Mi piacerebbe vedere una squadra che entra in campo come non avesse vinto quella prima, con grande fame. Voglio vedere l’ambizione negli occhi dei miei giocatori.

Le vittorie portano entusiasmo, che sensazioni hai avuto nella settimana?

Ho visto il gruppo cimentarsi ancora di più, ma non per la vittoria, se bastasse una sconfitta a farci disgregare non staremmo qui a perdere tempo. Secondo me non siamo ancora una squadra, ci vuole del tempo. Però c’è grande disponibilità, tutti stanno dando il giusto per la Casertana. Abbiamo qualche problema, non ci nascondiamo dietro un dito, ma la nostra volontà può farci superare le difficoltà.

Sul Fasano?

Ritorno in un luogo in cui sono stato molto bene, ritrovo della gente e mi fa molto piacere. Sono una squadra di qualità, hanno fatto due partite ufficiali perdendo ai rigori col Gravina e giocandosela in trasferta col Cerignola. Mi aspetto una partita dove sicuramente ci sarà da soffrire e stringere i denti, ma ben vengano questi appuntamenti per farci crescere.

Qual è la situazione convocati?

Indisponibili ci sono Mansour e Pambianchi, non sono problemi gravi per fortuna. Anche Vicente è indisponibile, ma per il resto la squadra sta bene tutto sommato. Ragazzo per bene, ci serviva il play e l’abbiamo preso giusto.

L’allenatore del Fasano si è lamentato delle caratteristiche del campo, può essere questo un vantaggio per la Casertana?

Dipende da come si mette la partita, non possiamo prevedere con precisione. Nascono partite sempre diverse, non solo in serie D, la capacità di adattamento è fondamentale. Non ci sono alibi, per me è come se avessimo iniziato a luglio.

Nel corso del campionato questo tipo di preparazione sprint cosa può comportare?

Siamo andati subito nel fuoco, entreremo in maniera forse anche più veloce nella condizione ideale. Non possiamo fare altrimenti.

Può essere questo il momento più importante del campionato?

Questo sta alla nostra capacità di lettura, l’anno scorso la Casertana fu bravissima a riprendersi dopo un avvio incerto. Nel calcio non si prescinde dall’unione d’intenti di tutto il gruppo, anche chi fa tanta tribuna può diventare fondamentale. Dobbiamo poter contare su tutti, a maggior ragione nella nostra situazione.