Cangelosi: "Non posso dire nulla alla squadra. Fatto il massimo" Damian: "Maggiore attenzione nei momenti chiave"

07.03.2024 23:21 di Antonio Papale   vedi letture
Vincenzo Cangelosi
Vincenzo Cangelosi
© foto di Giuseppe Scialla

Al termine della gara giocata al Pinto col Cerignola, come sempre lucida l'analisi di mister Cangelosi.

Queste le sue parole:

"In questo momento non stiamo bene fisicamente, siamo contati. Da due siamo saliti a sei. Stasera non abbiamo fatto bene. Dopo il vantaggio, abbiamo preso gol. Quando Montalto non ce la faceva più, credevo che un difensore bastasse. Ora bisogna cercare di tirar su questo gruppo. Deli si è rifatto male, Anastasio out per lo stesso problema, Nicoletti si è fatto male. Devo cercare di rimettere in piedi la situazione. Il problema è che dobbiamo adattare tante situazioni. Stasera Calapai a sinistra, ma non era la posizione naturale. Al posto di Deli, messo Matese che era mancino. In questo momento si fa fatica. I ragazzi mettono voglia e danno il massimo. Turchetta? Discorso tecnico, per avere maggiore profondità mi serviva più gente di corsa. Dimissioni? Non fanno parte di me, chi era sopra si dimentica dove eravamo. Non sono pentito delle scelte fatte. Sapevo di una maggiore autonomia di Montalto. Due scelte dettate da infortuni. Viste le loro due punte, era meglio cercare di riempire. A volte c'è anche la componente sfortuna come sul gol. Abbiamo cercato di leggere come erano messi, nel primo tempo avevamo qualche problema nello sviluppare la manovra. Nel secondo ci siamo aggiustati e abbiamo anche fatto gol, nel finale potevamo chiudere meglio qualche ripartenza. Dovevamo fare fallo prima. Speriamo di recuperare almeno Anastasio. Toscano e Proietti? Ho sentito cose sbagliate verso lo staff medico, ogni problema ha i suoi tempi. Vorrei avere Proietti ai playoff, idem Toscano. Quando deciderò di rimetterli in campo, è perché sono sicuro che il margine di pericolosità è minimo."

Poi ha parlato Filippo Damian:

"Penso che il girone di ritorno è sempre più difficile. Siamo in difficoltà fisica, non è stata una bruttissima partita. Quando sei in vantaggio devi essere più attento. Facciamo fatica a creare. Bisogna recuperare chi non è al massimo e solo col lavoro possiamo ritornare chi eravamo. Gli infortuni? Perdiamo un paio di elementi a partita. Al di là di tutto, ci vuole maggior cattiveria. A volte i dettagli fanno la differenza. Spero che sia un periodo. Sono convinto che faremo bene. Dispiace per il rammarico dei tifosi, speriamo di averli con noi fino alla fine. Penso che sia una questione fisica, abbiamo difficoltà nella percezione del pericolo."