Casertana, ora il fallimento è davvero totale. Ora bisogna assumersi le proprie responsabilità e programmare il futuro in maniera seria

23.05.2022 13:55 di Antonio Papale   vedi letture
Francesco Felleca
Francesco Felleca
© foto di Giuseppe Scialla

Il crollo arrivato ieri pomeriggio al Pinto per mano di un San Giorgio non trascendentale certifica senza ombra di dubbio il fallimento totale della Casertana, dove nessuno è esente da responsabilità. Come sempre però prendiamo in considerazione i principali aspetti che la gara di ieri ha lasciato in eredità. 

FALLIMENTO TOTALE - Inutile prendere in giro qualcuno: il fallimento della Casertana è totale. Già prima di ieri la stagione era negativa, poi il crollo col San Giorgio ha affibbiato la parola fallimentare alla stagione rossoblù. 

ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ - Dopo la debacle di ieri, bene hanno fatto Feola, Favetta e Vicente ad assumersi per sé e per gli altri le proprie responsabilità, ma adesso tocca farlo anche alla società, soprattutto alla luce di un mercato dicembrino deficitario, dove bastava poco per rafforzare la squadra nel picco massimo raggiunto con la vetta.

POCA PERSONALITÀ - Anche ieri la squadra rossoblù ha peccato di personalità, perché ha fatto poco, nonostante fosse artefice del proprio destino, per vincere la partita. Il buon Favetta l'unico a cantare e portare la croce, il resto fumoso.

ADDIO ILLUSIONE - E così finisce anche l'illusione del ripescaggio in serie C attraverso i playoff. Ed ora che è finito tutto, bisogna pensare al futuro che deve essere completamente diverso rispetto al recente passato.

GLI UNICI VINCITORI - Inutile dire che i veri vincitori della stagione sono i tifosi che ci sono sempre stati malgrado tutte le disavventure che hanno dovuto subire e sopportare in tutti i sensi.

PROGRAMMARE IL FUTURO - Ora l'unico imperativo per tutti è resettare, dando un calcio a questa stagione disgraziata, e programmare seriamente il futuro. Perché solo così si può pensare di tornare tra i pro, al di là delle faccende extracampo (stadio docet).